28.3.17

MARVEL Continuity: Serie TV




Beh questo post mi sarà molto utile, e spero anche a voi.
Spesso mi è stato chiesto da amici vari: "Hai visto la serie Marvel... su Netflix? Bella però non ho capito alcuni passaggi!", ed io rispondo "Le hai viste in ordine di continuity le Serie TV Marvel?", "...perché ce ne sono altre?".

Quello che ha sempre affascinato i lettori dei comics americani è appunto la continuity. Le storie dei vari personaggi si intersecano con quella di altri eroi, per poi confluire in eventi collettivi. Questa è la continuity!
Ecco perché per comprenderle bene bisogna andare in ordine: anche nel caso delle Serie TV Marvel Netflix. Prima di inserirvi la lista, e vi ricordo che verrà regolarmente aggiornata, voglio specificare che la Serie "Agents of S.H.I.E.L.D." non c'è perché fa parte della continuity dei film Marvel in maniera diretta.


1. DAREDEVIL Stagione 1 (mio voto: 5/5)

2. JESSICA JONES Stagione 1 (mio voto: 5/5)

3. DAREDEVIL Stagione 2 (mio voto: 5/5)

4. LUKE CAGE Stagione 1 (mio voto: 3/5)

5. IRON FIST Stagione 1 (mio voto: 4/5)





23.3.17

L'uomo ragno, Serie ORO




Diversi lettori di lunga data odiano alquanto B. M. Bendis: lo sceneggiatore più importante dell'attuale Marvel. Perché tanto disprezzo? E' un autore sopravvalutato?
No. Il fatto è che Bendis non è un mero mestierante, ma uno sceneggiatore coi fiocchi, se vuole...
Chi ha letto le sue storie migliori, si aspetta molto di più da lui, anche oggi.




Ma ora soffermiamoci sul volume de "L'uomo ragno, Serie ORO" intitolato Identità segreta, edito come allegato di Repubblica nel 2004 (introvabile come un panda sciatore).
La sceneggiatura di B. M. Bendis e i disegni del mitico Mark Bagley
Nel volume sono raccolti le prime due lunghe storie di Spider-Man Ultimate: "Potere e responsabilità" e "Curva di apprendimento". Bendis si dimostrò con questa serie Ultimate, rispettoso delle origini dell'eroe ma anche innovatore.


La storia è scorrevole è densa di colpi di scena, con un ritmo molto simile alle Serie TV. 
E' una lettura catalizzante.
Consigliato a tutti i lettori Marvel e non, troverete uno dei migliori sceneggiatori di comics (quando ne ha voglia, però...).





18.3.17

Aqualung, Stagione 1




Nel passato Agosto 2016 è approdato nelle fumetterie Aqualung 1. La Bao Publishing è stato l'editore che ha permesso a questo webcomic una vita cartacea.
Il progetto di Jacopo Paliaga e French Carlomagno è stato semplice, quanto geniale. Nel corso del 2016 tutta la prima stagione di Aqualung è stata resa leggibile sul web per intero...


L'edizione cartacea ha però delle espansioni rispetto a quella tuttora reperibile sul web. E poi non pensate che avere il proprio volume in libreria, sia tutta un'altra cosa? Io sì!
Il volume della Bao è davvero ben fatto e vi permette di apprezzare appieno la lettura.




Aqualung, Stagione 1 si avvicina molto alle tematiche supereroistiche, i fan dei comics americani lo apprezzeranno di certo.
Non mi sento di approfondire oltre con: la trama, i personaggi e i colpi di scena. Perché? Perché potete immergervi da soli nella lettura di questo webcomic (ecco il link). E se poi vorrete, qui sotto trovate il bannerino Amazon per l'acquisto dell'edizione cartacea.



12.3.17

LOGAN: il miglior film della Marvel, ma non è della Marvel!




Nel 2008 è nata l’etichetta Marvel Cinematic Universe, che identifica i film cinecomics prodotti direttamente dalla Disney/Marvel (i Marvel Studios). Il primo film facente parte di questo universo narrativo al cinema è stato “Iron Man 1”.

Gli appassionati del fumetto americano furono molto speranzosi al riguardo, finalmente la Marvel avrebbe diretto e prodotto i suoi film! Avrebbero avuto il processo creativo sotto il loro totale controllo, e avrebbero presumibilmente valorizzato con dignità i comics di riferimento!
Purtroppo le cose non sono andate così, se siete attenti ed esaminate i film precedenti al Marvel Cinematic Universe (MCU) con quelli che ne fanno parte, scoprirete che non è cambiato pressoché nulla. Ovviamente si sono fatti passi da gigante al riguardo delle tecniche di riprese e agli effetti speciali. Ma le trame, le caratterizzazioni dei personaggi (gli eroi Marvel) sono state troppo superficiali.
E’ stato reso piatto ciò che era tridimensionale, banale ciò che era sofisticato.

Nel frattempo alcuni eroi Marvel erano (e sono ancora) fuori dal MCU, perché? A causa dei diritti acquisiti da altre major: Sony Pictures e 20th Century Fox. Questi supereroi sono gli X-Men tutti (compresi Wolverine), i Fantastici 4, Spider-Man (la Sony ha però trovato un accordo con la Disney e il Ragno finalmente farà sempre parte del MCU), e Deadpool.
Questa situazione assurda è uno dei grandi errori della Marvel e che a lungo periodo pagherà amaramente.
La DC/Warner nonostante sia partita in ritardo con il costruire il proprio universo di film prodotti autonomamente (sotto l’etichetta DC Extended Universe) ha un grande vantaggio! Tutti i suoi eroi, e ribadisco tutti, sono in loro controllo. La Warner potrà produrre qualsiasi film su qualsiasi eroe DC.




Torniamo alla Marvel. E’ da poco uscito anche in Italia Logan capitolo finale dedicato a Wolverine/Jackman. Non fa parte dell’universo MCU, ma è in continuity Fox. Bel casino, eh?
C’è da dire che è un film meraviglioso, da non perdere. Vi avevo parlato qui su quali elementi caratterizzano (a mio parere) un cinecomics ben fatto.
Logan li ha centrati tutti! Questo film ha ricevuto il voto di 92% su rottentomatoes.com (se non conosci questo sito, leggi qui), un giudizio più che meritato.
Il film è diretto da James Mangold che per questa volta è anche sceneggiatore e il risultato si vede! Il fumetto di base pare essere in parte Old Man Logan di Mark Millar (run sinceramente mediocre). Mangold è riuscito a prendere le caratteristiche vincenti di quel fumetto amatissimo, tra i fan di Wolverine, e a rendere un cinecomics un film quasi d’autore. E’ notizia recente che il regista è al lavoro su una versione in bianco e nero che verrà venduta in concomitanza dell’arrivo di Logan in DVD/Blu-ray e Digital!

E’ davvero difficile non essere entusiasti per questo film, ci sono tutti gli elementi per gridare al capolavoro… provare per credere.
E Marvel Studios ce la puoi fare... daje ;)




9.3.17

Basta Pirati!




E' un argomento che mi fa imbufalire, alquanto. Non si riassume solo dicendo che è una pratica illegale, o spesso anche dannosa per i nostri dispositivi elettronici (virus informatici, più o meno problematici da debellare).
Sta di fatto che alcuni italiani la parola legalità la comprendono poco, forse a causa del cattivo esempio...




Questo logo "Stop Pirates" veniva stampato sulle cover dei CD musicali. Voleva dire: "Non copiarmi, è contro legge!". Servì a qualcosa il logo? Non tanto.
Internet ha portato tante migliorie nella nostra vita, ma ci ha anche assuefatto a comportamenti non corretti.
Non voglio in questo editoriale soffermarmi troppo sull'aspetto meramente legale, anche se avrete compreso già la mia opinione al riguardo di:
- Leggere scan di fumetti su siti di dubbia provenienza
- Scaricare musica a babbo, alla faccia del diritto d'autore
- Vedere film in streaming gratis, su siti filo-russi


IL PUNTO

Per quanto poco ci crediate il mondo dell'Arte che include: la Musica, il Cinema e i Fumetti (l'argomento principale del blog); è a rischio! Sono settori sempre più deboli per colpa dei scrocconi illegali.

Se vi piace leggere fumetti che siano manga, comics, italiani... sapete senz'altro che è davvero un mercato di nicchia. In Italia se esistono appassionati (come il sottoscritto, ma anche altri) che fanno di tutto per promuovere il Fumetto con guadagni simbolici, ci sarà un motivo?
Il motivo che ci muove è preservare il mercato del fumetto italiano che è sotto attacco, e perché lo amiamo profondamente. Comprenderete quindi che il lettore di scan, che poi non acquista i fumetti cartacei (o digitali) fa un danno al mercato e agli autori tutti! Non può, questo tipo di lettore, definirsi appassionato di fumetti. Un amante di qualsiasi arte: dà valore, apprezza, è un fan intelligente.
Se pensate che è eccessivo il mio pensiero al riguardo, cambiate blog... ce ne sono tanti.


Lo stesso discorso si applica alla musica. Se non avete i soldi per comprarvi musica digitale o fisica, sapete... hanno inventato Spotify? Ed è gratis!
Per i film, siete disposti a spendere dieci euro al mese per vedere una vagonata di Serie TV e Film (pari al costo di un biglietto da cinema)? Hanno inventato Netflix!

Basta pirati, perché sono patetici.




7.3.17

Video: "A mezzanotte tutti gli agenti" WATCHMEN MOTION COMIC 01 (di 12)




Il mondo di Watchmen è connesso, e lo sarà sempre più, con il nuovo universo DC. Per chi non ha mai letto questo caposaldo dei comics americani o per chi lo vuole fruire in una maniera differente è nato il progetto "Watchmen Motion Comic", realizzato davvero bene...
Buona visione :)





3.3.17

Gli anni dolci, Hiromi Kawakami




Tutto incomincia dal romanzo pluripremiato di Hiromi Kawakami, scrittrice giapponese e diventata famosa appunto per "Gli anni dolci" edito nel 2001.




Successivamente viene realizzato il graphic novel (manga) omonimo. In Italia è stato proposto in due volumi da Rizzoli Lizard. Entrambi i volumi sono ordinabili tramite i soliti canali di vendita.

La stessa Kawakami si occupa della sceneggiatura (coadiuvata da Jiro Taniguchi), i disegni sono affidati a Taniguchi. Jiro Taniguchi (morto l'11 Febbraio 2017) è stato un mangaka di primo livello. Il suo tratto elegante e quasi europeo si sposa perfettamente alla storia lieve, ma densa di significato, di "Gli anni dolci". 
Una giovane donna incontra dopo molti anni un suo professore, ora settantenne, e tra i due inizia un amicizia. Lentamente e dolcemente sboccerà l'amore fra i due. L'amore poetico, quello sublime, totalizzante.





Una lettura consigliata a chi:
- apprezza i romanzi di una volta, i cosidetti classici
- ama l'arte Jiro Taniguchi, qui in ottima forma!
- cerca una storia d'amore sincera.